Appunti per un futuro «Green»

Sostenibilità: cosa l'industria tessile può imparare dal food

Food e fashion, due mondi apparentemente lontani accomunati da un importante obiettivo comune: la sostenibilità. Se l'industria alimentare ha intrapreso questo percorso già oltre 10 anni fa, quella del tessile deve ancora muovere i primi passi significativi.

Che si tratti della produzione alimentare piuttosto che tessile, l'origine è la medesima: aziende agricole e fattorie. Questo è il fondamentale punto di congiunzione tra i due mondi.

Da oltre 10 anni il food è stato investito dalla richiesta di una produzione più trasparente e tracciabile, che ha generato l'ondata di prodotti BIO, ormai non più un succedaneo delle colture tradizionali ma bensì una realtà consolidata e sempre più richiesta dal consumatore finale.

Il percorso tracciato dal settore alimentare, che ha portato all'affermazione di una filiera sostenibile, potrebbe essere nuovamente solcato dal tessile, col vantaggio di poter apprendere dagli errori commessi in precedenza.

Ma quali sono stati i punti fondamentali del cammino del food? Senza dubbio, la decisione di rendere sempre più trasparenti e tracciabili le filiere produttive, permettendo ai consumatori di avvicinarsi per la prima volta a chi realizza il prodotto interessandosi ad esso. Giganti come Whole Foods Market hanno intrapreso questa strada, sostenendola inoltre con un notevole lavoro di storytelling il quale ha arricchito la comunicazione dei prodotti etici dando loro valore aggiunto.

Proprio in quest'ottica, dopo aver condotto le medesime ricerche per il food, il team di Deborah Drew del World Resources Institute’s Business Center sta effettuando studi su come il linguaggio potrebbe influenzare le scelte di abbigliamento, con l'obiettivo di svincolare la potenziale associazione di capi organici o sostenibili ad un'estetica standardizzata, o ancora le fibre riciclate ad una qualità inferiore.

Insomma, il percorso è ancora lungo e ricco di insidie per il tessile. Vi vogliamo lasciare però con una suggestione: e se fosse la mancanza di un'offerta alternativa alla produzione tradizionale il vero motivo per il quale, apparentemente, non vi è tale richiesta da parte dei consumatori anche per il settore fashion? La risposta ancora una volta la possiamo ricercare nel food dove, con l'avvento di una reale opzione, la domanda di prodotti etici è rapidamente cresciuta.

 

SmartWater è un'iniziativa Creazioni Digitali

© 2020 Creazioni Digitali srl - via G. Leopardi, 33 - Lurate Caccivio (Como) - Phone + 39 031 891429 - P.IVA 02950140133- Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.